Hospice

Copertura Assicurativa

Autocertificazione Casa di Cura S. Anna

 

Il 1° aprile 2017 entra in vigore la Legge 8 marzo 2017, N. 24, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”.

La norma mira a garantire la sicurezza delle cure, da intendersi come parte integrante del diritto alla salute di cui all’art. 32 della Costituzione, nell’interesse dell’individuo e della collettività.

In tale ottica, la norme guarda con particolare favore il paziente che abbia subito dei casi di malpractice, prevedendo tra le altre cose che “le Strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private devono essere provviste di copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso terzi e per la responsabilità civile verso prestatori d’opera” (art. 10, comma 1, L. 24 / 2017).

Fissa, inoltre, un obbligo di pubblicità stringente in capo alle mentovate Strutture, le quali“rendono nota, mediante pubblicazione nel proprio sito internet, la denominazione dell’impresa che presta la copertura assicurativa della responsabilità civile verso i terzi e verso i prestatori d’opera di cui al comma 1, indicando per esteso i contratti, le clausole assicurative ovvero le altre analoghe misure che determinano la copertura assicurativa”(art. 10, comma 4, L. 24 / 2017).

È d’uopo precisare, quindi, che la Legge in oggetto non impone la tassativa stipulazione di contratti assicurativi con Compagnie operanti nel mercato della responsabilità medica, ma consente alle Strutture di utilizzare altre analoghe misure, concetto nel quale rientra sicuramente il sistema di autoassicurazione.

Tanto perché, come sottolinea un documento della Conferenza delle Regioni illustrato in un’audizione parlamentare del gennaio 2014, in ipotesi di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile medica con contestuale esclusione di ogni altra analoga misura, “i costi sarebbero così elevati e, stanti così le cose, pressoché insostenibili per professionisti e Strutture, sempre ammesso che siano reperibili assicurazioni disponibili a contrarre, delle quale ci si possa fidare (vale a dire solvibili ed affidabili)”, cfr.Conf. Regioni e Prov. Autonome 13/134/CR08/C7.

Tutto ciò premesso, in ottemperanza agli obblighi di pubblicità fissati dall’art. 10, comma 4, della Legge 8 marzo 2017, N. 24, il presidio sanitario denominato ‘ CASA DI CURA S.ANNA‘, (P.I. 00627760606), con Sede in Cassino (FR) al k. Herold rende noto di versare in regime di autoritenzione del rischio, siccome consentito dalla succitata disposizione di legge ed ampiamente esposto nei capoversi che precedono.

 

Codice Etico

 

Il Codice Etico ha lo scopo di descrivere i valori etici ai quali la Casa di Cura S.Anna s’ispira. Il Codice Etico è pertanto vincolante per tutti coloro che operano con la nostra struttura.

La Casa di Cura richiederà ai principali fornitori e partners una condotta in linea con i principi generali del presente Codice.

Il documento è da considerarsi, in concerto con il Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/2001, come strumento finalizzato alla prevenzione dei reati previsti dalla legge.

 

Organigramma

 

Amministratore Unico

Giovanna Amato

Direttore Sanitario

Patrizio Pasqualitto ( in corso di ratifica con apposito decreto regionale )

Vice Direttore

Dr. Stefano Mosillo